Aprire una srl semplificata conviene?


srl semplificateLa  Srl (società a responsabilità limitata) semplificata è stata introdotta nel 2012 dal governo Monti e nel corso degli anni ha subito alcuni miglioramenti e cambiamenti che la rendono un'ottima soluzione per chi vuole intraprendere la strada di un'attività in proprio o in società con altre persone. Innazitutto è necessario specificare cosa si intende per srl. Si tratta di un  tipo di società nella quale i soci non rischiano i propri beni personali, ma sono responsabili solo per eventuali debiti della società relativi al capitale investito. Non verranno quindi pignorate case o automobili personali per colmare i debiti della società. La srl semplificata fu pensata per incentivare l'imprenditorialità giovanile ed inizialmente presentava infatti limiti di età (tutti i soci doveva avere meno di 35 anni), nel 2013 questi limiti sono stati aboliti per cercare di favorire tutti coloro che volevano intraprendere un'attività in proprio e cercare così di arginare la crisi economica. Infatti la srl semplificata prevede diverse agevolazioni che permettono anche a chi non ha un grande capitale alle spalle di poter aprire una società:
  • euro-capitaleil capitale minimo investito deve essere di almeno 1 euro, mentre quello massimo deve restare inferiore ai 10.000 euro;
  • non ci sono spese notarili per la costituzione della società;
  • costi limitati per i bolli e i diritti della Camera di Commercio: le spese previste sono di circa 400 euro per l’imposta di diritto annuale e di denuncia di inizio attività presso la Camera di Commercio (i costi possono variare a seconda della zona di competenza.
  • come tutte le società di capitali i soci non sono responsabili personalmente dei debiti contratti dalla società stessa;
  • se la società dovesse fallire, questo non coinvolgerebbe i singoli soci.
Naturalmente è necessario tenere presente che la costituzione di una società prevede determinati costi accessori, che non si possono evitare, come per esempio l'acquisto di attrezzatura o l'affitto di una sede e le relative bollette. Questo tipo di società presenta anche alcuni svantaggi:
  • il regime fiscale della srl semplificata, è quello ordinario, questo vuol dire che non gode di regimi agevolati, è soggetta ad IVA e le spese per la gestione della contabilità sono elevati; deve inoltre presentare un bilancio annuale. Di questo aspetto si deve occupare una persona specifica e competente o deve essere affidata a un commercialista o contabile esterno con relativi costi di parcelle;
  • si possono incontrare difficoltà nelle richieste di finanziamenti, in quanto il capitale investito è molto basso e pertanto si può risultare poco credibili;
  • nel 2013 sono state introdotte srl ordinarie con possibilità di capitale ridotto inferiore a 10.000, questo rende le srl semplificate meno convenienti perchè limitanti rispetto alle ordinarie (seppur queste abbiamo spese di costituzione differenti)
L'ammontare del capitale iniziale a disposizione e dei costi che si possono sostenere per avviare l'attività, sono sicuramente gli aspetti che più influenzano la scelta fra una srl semplificata e uno ordinaria. Mentre possono esserci notevoli differenze da tenere in considerazione, se si deve scegliere fra una srls o una ditta individuale, quest'ultima in alcuni casi può risultare più conveniente se il tipo di lavoro svolto non mette a rischio i propri beni personali, dato che prevede regimi fiscali agevolati. Nello stesso tempo il vantaggio della srl semplificata può essere notevole per l'assenza di responsabilità in caso di fallimento e la possibilità di maggiori detrazioni e deduzioni dalle imposte, rispetto alla ditta individuale. Se state per aprire una vostra attività vi consigliamo di farvi consigliare da persone competenti e informarvi voi stessi sulle varie possibilità, in modo tale da poter scegliere la tipologia che più si adatta alle vostre esigenze lavorative ed economiche.  

srl semplificateLa  Srl (società a responsabilità limitata) semplificata è stata introdotta nel 2012 dal governo Monti e nel corso degli anni ha subito alcuni miglioramenti e cambiamenti che la rendono un’ottima soluzione per chi vuole intraprendere la strada di un’attività in proprio o in società con altre persone.

Innazitutto è necessario specificare cosa si intende per srl. Si tratta di un  tipo di società nella quale i soci non rischiano i propri beni personali, ma sono responsabili solo per eventuali debiti della società relativi al capitale investito. Non verranno quindi pignorate case o automobili personali per colmare i debiti della società.

La srl semplificata fu pensata per incentivare l’imprenditorialità giovanile ed inizialmente presentava infatti limiti di età (tutti i soci doveva avere meno di 35 anni), nel 2013 questi limiti sono stati aboliti per cercare di favorire tutti coloro che volevano intraprendere un’attività in proprio e cercare così di arginare la crisi economica.

Infatti la srl semplificata prevede diverse agevolazioni che permettono anche a chi non ha un grande capitale alle spalle di poter aprire una società:

  • euro-capitaleil capitale minimo investito deve essere di almeno 1 euro, mentre quello massimo deve restare inferiore ai 10.000 euro;
  • non ci sono spese notarili per la costituzione della società;
  • costi limitati per i bolli e i diritti della Camera di Commercio: le spese previste sono di circa 400 euro per l’imposta di diritto annuale e di denuncia di inizio attività presso la Camera di Commercio (i costi possono variare a seconda della zona di competenza.
  • come tutte le società di capitali i soci non sono responsabili personalmente dei debiti contratti dalla società stessa;
  • se la società dovesse fallire, questo non coinvolgerebbe i singoli soci.

Naturalmente è necessario tenere presente che la costituzione di una società prevede determinati costi accessori, che non si possono evitare, come per esempio l’acquisto di attrezzatura o l’affitto di una sede e le relative bollette.

Questo tipo di società presenta anche alcuni svantaggi:

  • il regime fiscale della srl semplificata, è quello ordinario, questo vuol dire che non gode di regimi agevolati, è soggetta ad IVA e le spese per la gestione della contabilità sono elevati; deve inoltre presentare un bilancio annuale. Di questo aspetto si deve occupare una persona specifica e competente o deve essere affidata a un commercialista o contabile esterno con relativi costi di parcelle;
  • si possono incontrare difficoltà nelle richieste di finanziamenti, in quanto il capitale investito è molto basso e pertanto si può risultare poco credibili;
  • nel 2013 sono state introdotte srl ordinarie con possibilità di capitale ridotto inferiore a 10.000, questo rende le srl semplificate meno convenienti perchè limitanti rispetto alle ordinarie (seppur queste abbiamo spese di costituzione differenti)

L’ammontare del capitale iniziale a disposizione e dei costi che si possono sostenere per avviare l’attività, sono sicuramente gli aspetti che più influenzano la scelta fra una srl semplificata e uno ordinaria.

Mentre possono esserci notevoli differenze da tenere in considerazione, se si deve scegliere fra una srls o una ditta individuale, quest’ultima in alcuni casi può risultare più conveniente se il tipo di lavoro svolto non mette a rischio i propri beni personali, dato che prevede regimi fiscali agevolati. Nello stesso tempo il vantaggio della srl semplificata può essere notevole per l’assenza di responsabilità in caso di fallimento e la possibilità di maggiori detrazioni e deduzioni dalle imposte, rispetto alla ditta individuale.

Se state per aprire una vostra attività vi consigliamo di farvi consigliare da persone competenti e informarvi voi stessi sulle varie possibilità, in modo tale da poter scegliere la tipologia che più si adatta alle vostre esigenze lavorative ed economiche.